Come individuare precocemente il tumore al colon-retto.

Nel 2020, più di 50.000 persone solo in Italia si sono ammalate di tumore al colon-retto.
Molte di queste persone avevano sottovalutato questo tipo di neoplasia perché purtroppo ha dei sintomi molto sfumati e difficili da riconoscere.

Il tumore del colon-retto cresce lentamente, senza sintomi troppo evidenti per un lungo periodo di tempo, e diventa evidente solo quando la situazione è spesso in fase avanzata.

Come si sviluppa il tumore al colon-retto.

Il tumore del colon-retto si sviluppa dalla mucosa (lo strato più superficiale) del colon e del retto. Il tumore del colon-retto insorge di solito come un piccolo “nodulo” sulla superficie della mucosa intestinale o rettale chiamata polipo.

Aumentando di dimensioni, il tumore può invadere la parete dell’intestino e gli organi adiacenti.
Purtroppo, con il passare del tempo, alcune cellule maligne possono staccarsi dal tumore e diffondersi, attraverso i vasi sanguigni ed i dotti linfatici, ad altri organi distanti come il fegato ed i polmoni.

Sintomi locali

I sintomi locali dipendono molto da dove è posizionato il tumore, se nel colon destro, nel colon sinistro o nel retto:

  • Un tumore nel colon sinistro può provocare occlusione al transito delle feci perché il colon sinistro ha un diametro inferiore e le feci lì sono semisolide. Il paziente può avvertire dolori addominali crampiformi o stitichezza.
  • Un tumore del colon destro difficilmente provoca ostruzione fino alle fasi tardive, dato che il colon ascendente ha un ampio diametro e ha contenuto liquido, ma in questa parte dell’intestino può causare perdite di sangue croniche.
  • Un tumore del retto può dare sensazione continua di incompleto svuotamento dopo la defecazione o perdita di sangue rosso vivo con le feci.

Sintomi sistemici

Segnali della comparsa di un tumore colorettale possono essere anche:

  • la presenza sporadica di sangue nelle feci;
  • la comparsa di alternanza tra stitichezza e diarrea;
  • anemia cronica;
  • senso di pesantezza alla digestione.

Esistono poi sintomi soggettivi, come mancanza di appetito e stanchezza cronica che possono manifestarsi in varie fasi della patologia.

Quando chiamare il medico

Una diagnosi precoce del tumore è in grado di aumentare di molto le probabilità di guarigione. Il problema è che questa patologia produce sintomi aspecifici e molto simili a quelli di altre patologie addominali o intestinali, come la mancanza di appetito, l’anemia, una stanchezza diffusa.

È necessario dunque sottoporsi a visite specialistiche quando si rientra in una delle categorie a rischio, determinate dall’età, dalla storia medica personale e dalla storia medica familiare (puoi approfondire a questo link i fattori di rischio).

Ti consigliamo sempre di rivolgerti ad un medico se hai riconosciuto alcuni di questi sintomi: prevenire è sempre più semplice di curare.


Condividi questo articolo per aiutarci a diffondere una maggiore consapevolezza di questa malattia molto spesso nascosta.

CONDIVIDI L’ARTICOLO SU:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email